23 giugno 2019, Roma - Il cinese Qu Dongyu è stato eletto oggi Direttore Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO).

Qu Dongyu ha ottenuto 108 voti sui 191 espressi, il che ha costituito la maggioranza al primo turno.  

L'elezione si è svolta nel corso della 41ma sessione della Conferenza della FAO (22-29 giugno 2019), il massimo organo di governo dell'Organizzazione. 

Qu Dong Yu, nato nel 1963, è attualmente Viceministro dell'Agricoltura e degli affari rurali in Cina. 

Il suo curriculum completo è disponibile qui (pagina 15). 

Qu Dongyu sarà il nono Direttore Generale della FAO dalla fondazione dell'Organizzazione, il 16 ottobre 1945. 

Il mandato del nuovo Direttore Generale, che subentra al brasiliano José Graziano da Silva, inizierà il 1° agosto 2019 e terminerà il 31 luglio 2023. 

Direttori Generali della FAO

Dall'istituzione della FAO nel 1945 si sono succeduti otto Direttori Generali:

  • Sir John Boyd Orr, Regno Unito, 1945-1948
  • Norris E. Dodd, Stati Uniti, 1948-1954
  • Philip Vincent Cardon, Stati Uniti, 1954-1956
  • Binay Ranjan Sen, India, 1956-1967
  • Addeke Hendrik Boerma, Olanda, 1968-1975
  • Edouard Saouma, Libano, 1976-1993
  • Jacques Diouf, Senegal, 1994-2011
  • José Graziano da Silva, Brasile, 2011-2019

 

dal sito ufficiale fao.org

 

Un proverbio cinese recita: Chiamare le cose col loro nome è l’inizio della saggezza. In un mondo globalizzato in cui la velocità della comunicazione web e la possibilità di viaggiare a basso costo hanno reso più facile l’incontro con altre culture sembra necessario dover stabilire un vero contatto con queste realtà un tempo così lontane come la Cina. Iniziare a dare un nome alle cose è quindi forse il primo passo per poter conoscere a fondo la cultura e le tradizioni di questo paese e perché no aprirsi nuove possibilità lavorative. La Cina nell’ultimo decennio si è andata sempre più affermando come potenza economica e commerciale. Nel prossimo futuro si prevede che il gigante asiatico inizi a intrattenere rapporti commerciali sempre più intensi con gli stati membri Ue. Studiare il cinese diventa quindi non solo l’occasione di potersi relazionare con una cultura diversa dalla nostra ma anche l’opportunità di aprirsi nuove strade nel mondo lavorativo e soprattutto aziendale. Inizia subito a studiare il cinese iscrivendoti a uno dei tanti corsi dell’Istituto Confucio!
 
Ente: L'Istituto Confucio è un’istituzione creata dall’Ufficio “Hanban” del Ministero dell’Istruzione Cinese per la diffusione della lingua e della cultura cinese. L’Istituto Confucio promuove la conoscenza della lingua e della cultura cinese. È un punto di incontro tra Oriente e Occidente; luogo di collaborazione e di interazione con le Istituzioni presenti sul territorio sia pubbliche che private. 
 
Descrizione dell’offerta: L’offerta formativa comprende corsi di livello elementare, intermedio, avanzato, perfezionamento del cinese, corso di conversazione, cinese commerciale, cinese per bambini, cinese junior, cinese giornalistico, cinese della letteratura e cultura contemporanea, traduzione in cinese,preparazione all’esame nazionale di competenza linguistica HSK.  
 
Link utili: Istituto Confucio
 
Contatti utili:
Istituto Confucio – Sapienza Università di Roma.
Via Principe Amedeo, 182/b – 00185 Roma.
Tel./Fax 06 4464135
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
A cura di Valerio Pellegrini
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
 
LA REDAZIONE
 

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.