Se sei interessato a lavorare all'interno della più importante organizzazione internazionale per acquisire esperienza nel campo, non perdere l'occasione di diventare uno stagista presso la Commissione economica e sociale per l'Asia e il Pacifico di UNDESA.

 

Per opportunità simili visita la sezione: Organizzazioni Internazionali

 

Ente: Il Dipartimento per gli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (in inglese UN/DESA) fa parte del Segretariato delle Nazioni Unite ed è responsabile del follow-up delle conferenze delle Nazioni Unite e dei servizi al Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite. UNDESA assiste i paesi di tutto il mondo con l'obiettivo di affrontare le loro sfide economiche, sociali e ambientali. Fornisce una vasta gamma di strumenti analitici, consulenza politica e assistenza tecnica, traduce efficacemente i settori economici, sociali e ambientali globali in ruoli chiave nel monitoraggio dei progressi verso gli accordi internazionali e gli obiettivi di sviluppo.

 

Dove: Bangkok, Tailandia

 

Quando: Data d’inizio non specificata, durata 3-6 mesi

 

Destinatari: I candidati devono essere iscritti all'ultimo anno di un corso di laurea triennale o ad un corso di laurea oppure essere già laureati da non più di un anno 

 

Scadenza: 31 dicembre 2019 

 

Descrizione dell’offerta: Il tirocinio si terrà presso la Divisione Trasporti / Sezione Trasporti sostenibili (Transport Division/Sustainable Transport Section) ed avrò una durata di 3 mesi con possibilità di proroga fino a 6 mesi, se richiesto dalla divisione. I tirocinanti lavorano cinque giorni alla settimana (37,5 ore) sotto la supervisione di un membro del personale nella divisione o sezione a cui sono assegnati.

Le responsabilità quotidiane dipenderanno dal background della persona e dai tirocini, nonché dal periodo di tirocinio. I doveri possono includere, ma non sono limitati a:

  • Ricerca sulla disponibilità di sicurezza stradale, trasporto intelligente e trasporto verde per i paesi membri ESCAP;
  • Una parte importante del compito sarà identificare e raccogliere informazioni relative alla sicurezza stradale, trasporto intelligente e trasporto verde da fonti primarie e secondarie richieste per lo studio e selezionare una metodologia appropriata;
  • Coordinarsi, se necessario, con la divisione trasporti dell'ESCAP, per identificare le questioni chiave;
  • Revisionare, analizzare, compilare, raccogliere dati e informazioni, preparare report, incorporare tabelle, grafici, diagrammi appropriati con riferimenti;
  • Preparare infografiche utilizzando il software per computer;
  • Preparare presentazioni sul lavoro o sui risultati e gli stage, comprese le lezioni apprese al personale della divisione, se necessario.

Al tirocinante può anche essere richiesto di assistere nel lavoro quotidiano della Divisione, se necessario. Inoltre, ci si aspetta che familiarizzi, in misura limitata, con il lavoro amministrativo della divisione e altri compiti tipici delle organizzazioni delle Nazioni Unite.



Requisiti: Per potersi candidare, gli interessati devono soddisfare uno dei seguenti requisiti:

  •  essere iscritto a un programma magistrale o di master; o
  • essere iscritto nell'ultimo anno accademico di un primo corso di laurea triennale; o
  • essersi laureato con un titolo universitario (come definito sopra) e, se selezionato, deve iniziare lo stage entro un periodo di un anno dalla laurea.

Per quanto riguarda l'esperienza lavorativa, i candidati:

  • non sono tenuti ad avere esperienza professionale per la partecipazione al programma;
  • deve essere esperto di computer nelle applicazioni software standard. Sarebbe necessaria una buona conoscenza di MS Excel e di qualsiasi software grafico per lo sviluppo di infografiche;
  • hanno dimostrato un vivo interesse per il lavoro delle Nazioni Unite e hanno un impegno personale per gli ideali della Carta; e
  • hanno dimostrato la capacità di interagire con successo con individui di diversi background e credenze culturali, che include la volontà di comprendere ed essere tolleranti con opinioni e opinioni diverse.

Inoltre, per il programma di tirocinio è richiesta una buona conoscenza della lingua inglese (sia orale che scritta). La conoscenza di un'altra lingua ufficiale delle Nazioni Unite rappresenta un vantaggio.



Retribuzione: Non retribuito

 

Guida all’application: É richiesta una domanda online completata tramite questo link (Cover note e Personal History Profile). La Cover note deve includere:

  • Corso di laurea (Cosa stai studiando o cosa hai studiato)
  • Data di laurea (quando ti laureerai o quando ti sei laureato?)
  • Elenco delle competenze e dei programmi IT in cui sei competente
  • Elenco delle tre principali aree di interesse
  • Spiegazione sul perché sei il candidato più adatto per questo specifico stage
  • Spiegazione del tuo interesse per il programma di internato delle Nazioni Unite.

Nel tuo Personal History Profile online assicurati di includere tutte le esperienze lavorative passate, le competenze IT e tre riferimenti.

Si prega di notare che solo i candidati selezionati verranno contattati.



Link utili: Pagina dell’offerta

 

Contatti Utili: Per ulteriori informazioni, si prega di visitare la pagina dell’offerta oppure la pagina dei contatti




a cura di Maria Laura Lo Cicero

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org



Il Programma della Nazioni Unite per l’Ambiente UNEP promuove lo sviluppo sostenibile in relazione al sistema delle Nazioni Unite e affronta come tema principale quello dei cambiamenti climatici e, utilizzando metodi collettivi indirizzati allo sviluppo e opera con lo scopo di salvaguardare il futuro della società mondiale.

 

Per opportunità simili visita la sezione: Organizzazioni Internazionali

 

Ente: UNEP Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente a favore della tutela dell'ambiente e dell'uso sostenibile delle risorse naturali, costituito principalmente da un personale esperto che prende le decisioni sulle politiche ambientali e sulle attività da svolgere in aree di particolare interesse.

 

Dove: Panama

 

Quando: non specificato

 

Destinatari: studenti universitari, laureandi e laureati (da massimo un anno)

 

Scadenza: le candidature chiuderanno appena sarà trovato il candidato. Termine massimo: 22/07/2020

 

Descrizione dell’offerta: Supporto per lo sviluppo del piano lavoro biennale del Subprogram Environment Under Review (EuR), mantenere le comunicazioni con l’America Latina, assicurare coordinazione e scambio di informazioni con il Latin American and the Caribbean Initiative for Sustainable Development, attraverso comunicazioni regolari e meetings. Registrare i feedback e inputs dai paesi riguardo l’avanzamento dei Sustainable Development Goals (SDGs); ricerca dati come anche assistere nell’organizzazione di meetings, training e workshops.



Requisiti: I candidati dovranno avere almeno uno dei seguenti requisiti: essere iscritti ad una laurea di secondo livello; essere iscritti all'ultimo anno di una laurea di primo livello; essere laureati e con inizio del tirocinio entro un anno dalla laurea (se selezionati). Avere buona conoscenza del computer e delle applicazioni software standard. Interesse per il lavoro delle Nazioni Unite e impegno personale nei confronti degli ideali della Carta. Saper interagire con individui di diversa estrazione sociale e cultura. Preferibili studi di economia, statistica o scienze ambientali; richiesto inglese e spagnolo eccellente sia scritto che orale. Auspicabile la conoscenza del francese.

 

Retribuzione: Nessuna. Le Nazioni Unite non applicano nessuna tassa durante il processo di application.

 

Guida all’application: Seguire attentamente le istruzioni che si possono trovare nella piattaforma di selezione. Per una guida più dettagliata ci si può fare riferimento al Manual for the Applicant, al quale si può accedere cliccando su Manuals.

 

Informazioni utili: Lavoro a tempo pieno cinque giorni alla settimana (40 ore dalle 9 alle 17) per 6 mesi. I tirocinanti saranno supervisionati dall’Environment under Review Subprogramme Coordinator

 

Link utili: United Nations Application; United Nations Careers

 

Contatti Utili: United Nations



a cura di Chiara D’Ambrosio

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org

Sono aperte le candidature per l’edizione 2019/2020 del JPO Programme, il Programma Giovani Funzionari delle Organizzazioni Internazionali, finalizzato alla formazione e al lavoro presso l’Organizzazione delle Nazioni Unite.



Per opportunità simili visita la sezione: Organizzazione Internazionali

 

Ente: UN/DESA è il Dipartimento degli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite, al cui interno si presenta come il pilastro dello sviluppo. UN/DESA si occupa della promozione  dell’informazione, del coordinamento e della cooperazione tra le organizzazioni e gli Stati per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, attraverso l’organizzazione di conferenze, banche dati per la consultazione e soluzioni innovative ai problemi più.

 

Dove: varie località

 

Quando:  inizio 2019/2020 per una durata di due anni

 

Destinatari: Cittadini italiani nati il o dopo 1 gennaio 1989 (1 gennaio 1988 per laureati in medicina; 1 gennaio 1986 per laureati in medicina che abbiano conseguito un diploma di specializzazione in area sanitaria), in possesso di cittadinanza italiana. Alcune posizioni sono riservate a cittadini provenienti da alcuni tra i Paesi in via di sviluppo. La lista è  disponibile sul sito www.undesa.it.

 

Scadenza: 10 Dicembre 2019 alle ore 15:00

 

Descrizione dell’offerta: Il Programma JPO è un’iniziativa finanziata dal Governo Italiano attraverso la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) e curata da UN/DESA. Il programma è  indirizzato a giovani italiani qualificati che vogliano aggiungere al proprio percorso un’esperienza formativa e professionale nelle organizzazioni internazionali, per un periodo di almeno due anni. Lo scopo dell’offerta è duplice: da un lato, associare i giovani funzionari ad iniziative di sviluppo permettendo di lavorare in prima persona all’interno delle organizzazioni; dall’altro, consente ai giovani interessati alle carriere internazionali di fare esperienze rilevanti per il futuro lavorativo.

 

Requisiti: Ai fini della presentazione della propria domanda, il candidato deve:

  • Possedere un’ottima conoscenza della lingua inglese e italiana
  • Avere ottenuto uno dei seguenti titoli accademici prima della scadenza per la presentazione della candidatura: 
  • laurea specialistica/magistrale
  • laurea magistrale a ciclo unico
  • laurea/laurea triennale accompagnata da un titolo di Master universitario
  •  Bachelor’s Degree accompagnato da un titolo di Master Universitario

 Data  la natura competitiva del Programma JPO, si noti che ai fini della selezione saranno tenute in conto qualificazioni aggiuntive, quali:

  • conoscenza di altre lingue delle Nazioni Unite o dei Paesi in via di sviluppo
  • possesso di ulteriori titoli accademici e/o formativi rilevanti
  • pregressa esperienza professionale di almeno un anno
  • possesso di capacità o competenze di orientamento al cliente, lavoro di squadra, comunicazione, responsabilità, pianificazione e organizzazione del lavoro

É richiesta al candidato capacità di adattamento a contesti di lavoro diversificati e una forte motivazione coerente con i valori fondamentali delle Nazioni Unite, cioè integrità, professionalità e rispetto della diversità.

 

Retribuzione: prevista ma non specificata

 

Guida all’application: Le domande di partecipazione devono essere inviate esclusivamente attraverso il sistema “Online Web Application” dell’Ufficio UN/DESA di Roma, disponibile presso il sito UN/DESA 

 

Informazioni utili: É possibile partecipare a dei webinar per ottenere più informazioni in merito alla compilazione della domanda registrandosi sul sito

 

Link utili: Prima della compilazione del formulario elettronico si invita alla consultazione della pagina How to apply

 

Contatti Utili: Per ulteriori informazioni contattare UN/DESA o scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




a cura di Maria Laura Lo Cicero

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.

LA REDAZIONE

 

Vuoi iniziare una carriera internazionale? Dai uno sguardo alle attività della nostra associazione su www.festivaldellecarriereinternazionali.org



“Dove, dopo tutto, iniziano i diritti umani universali? In piccoli posti, vicino a casa - così vicini e così piccoli che non possono essere visti su nessuna mappa del mondo. [...] A meno che questi diritti non abbiano un significato in quel luogo, anche se hanno poco significato ovunque. Senza un'azione concertata dei cittadini per mantenere questi diritti vicino a casa, cercheremo invano progressi nel mondo più vasto. "- Eleanor Roosevelt

Oggi, 10 dicembre, ricorre come ogni anno la Giornata Internazionale dei Diritti Umani. È una giornata importante per gli esseri umani, tutti, e nonostante siano anche conosciuti come diritti fondamentali di ogni essere umano, uomo, donna, bambino, bambina, senza differenziazioni in base alla razza, al sesso, la lingua, la religione... purtroppo non sono riconosciuti ancora come dovrebbero. Quel 10 dicembre del 1948, quando l’assemblea delle Nazioni Unite ha proclamato la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani stilata da persone con background culturali diversi e lontani, ci è stato dimostrato invece come possiamo essere consapevoli di ciò che è giusto o sbagliato e di come possiamo essere uniti dopo un tragico e logorante evento come lo è stato la Seconda Guerra Mondiale.

Questo 10 dicembre poi ha qualcosa in più, infatti la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani festeggia il suo 70° compleanno. Tale evento ci risolleva un po’ il morale e ci ricorda che questo prezioso documento basato sulla dignità, l’uguaglianza e il rispetto verso e per tutti gli individui, ci riguarda da vicino e se impariamo a conoscerlo e ad apprezzarlo ci darà il potere di far valere i nostri diritti e valori più importanti.

Le Nazioni Unite commemorano questo giorno con numerosi eventi in giro per il mondo; dall’Europa all’Africa, dagli Stati Uniti all’Asia e di nuovo in Sud America. Tali eventi possono essere consultati sul sito internet pubblicato ad hoc dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani - OHCHR - il quale promuove la campagna Stand up 4 Human Rights’ che, in quest’era digitalizzata, è stato diligentemente corredato da relativo tag #Standup4humanrights.

In Italia anche si pensa a questa giornata che verrà infatti commemorata in 80 città italiane con una fiaccolata organizzata da alcune delle maggiori ONG sul piano internazionale come, ActionAid, Amnesty International Italia, Caritas, EMERGENCY, Oxfam; ci invitano ad aderire alla manifestazione dal titolo ‘Diritti a testa alta’, #Dirittiatestaalta, con il messaggio che “oggi più che mai è urgente recuperare quei principi di umanità e di convivenza civile che sono alla base della Dichiarazione e che la retorica della paura sta cercando di smantellare”. www.irtces.com L’elenco delle piazze è disponibile a questo link.

Accogliamo dunque l’invito che le organizzazioni di tutto il mondo vogliono passarci, utilizziamo questa giornata per riflettere sull'immenso potere che la Dichiarazione conferisce all’umanità soprattutto nella valorizzazione della dignità.

a cura di Ludovica Mango

Per un po’ di storia circa questa giornata leggi il nostro articolo: Storia dei diritti umani in pillole nella sezione Istituzioni





Abbiamo chiesto alle ragazze e ai ragazzi che vi accompagneranno durante la 10^ edizione del Festival delle Carriere Internazionali di raccontarci la loro esperienza, scopri chi sono!

 

Quest’anno il Festival delle Carriere Internazionali festeggia la sua decima edizione, confermando il successo di un evento che da anni permette a giovani studenti provenienti da tutto il mondo di mettersi in gioco e di vivere un’esperienza unica nella meravigliosa cornice della capitale d’Italia. Un successo che non sarebbe possibile senza l’entusiasmo e la dedizione di giovani intraprendenti che hanno scelto di dedicare il loro impegno alla realizzazione del Festival. Ognuno di loro ricopre un ruolo chiave all’interno dei progetti che compongono il Festival: il RomeMUN, il Press Game, il Business Game e il Corso di Orientamento alle Carriere Internazionali. Hai voglia di conoscerli? Li abbiamo intervistati per voi ed ecco le loro storie e le loro esperienze!

 

Luca Marco Giraldin von Lahnstein – Direttore Business Game, Comitato Direttivo

Imprenditore di successo nel settore Food e Luxury e con esperienza professionale nel campo del marketing, consulenza manageriale e strategica, Luca Marco è l’ideatore e il direttore del Business Game, nonché membro del Comitato Direttivo del Festival delle Carriere Internazionali. La sua collaborazione con GnM è iniziata nel 2011 e da allora il suo contributo si è fatto sempre più concreto, arrivando alla progettazione del Business Game che quest’anno vedrà la sua terza edizione. Luca infatti ha voluto portare la sua esperienza all’interno del festival per aiutare i giovani interessati a seguire un percorso professionale in area business a capire come “avere la libertà di poter scegliere il proprio futuro, realizzarlo secondo le proprie ambizioni, con coraggio, dedizione e ricevendo delle adeguate gratificazioni. Questo è il successo”. Perché inserire il Business Game all’interno del Festival? Perché in una realtà sempre più internazionale e competitiva, i giovani non possono limitarsi alle conoscenze accademiche ma hanno bisogno di sviluppare abilità trasversali, meglio se in una realtà associativa come quella di GnM. Oggi Luca porta avanti la sua avventura imprenditoriale grazie a una nuova sfida negli Stati Uniti con il lancio del marchio “Patavini”, una food boutique alimentare e laboratorio di produzione di pasta fresca nel cuore di New York. Il segreto che ha reso la sua iniziativa competitiva? Un’analisi approfondita del mercato americano nel campo della produzione e distribuzione alimentare, insieme a un corretto posizionamento nei canali distributivi e a una costante tensione verso l’eccellenza. Sono queste e molte altre le tematiche che affronteranno i partecipanti al Business Game 2019, cos’altro aspetti? iscriviti qui

 

Jorge Alejandro González Galicia – Deputy Director

Jorge è un ragazzo di origini messicano-guatemalteche che collabora da molti anni al Festival delle Carriere Internazionali e che quest’anno ricoprirà il ruolo di Deputy Director. Eccellente comunicatore, il suo più grande sogno è di dar voce alle proprie idee per creare un impatto positivo nella società.  Il motivo che ha spinto Jorge a unirsi al team di Giovani nel Mondo è “l’opportunità che rappresenta un’organizzazione come GnM: connettere i giovani attraverso il potere del dialogo e della diplomazia”. Negli anni, GnM gli ha permesso di entrare in contatto con migliaia di persone provenienti da tutto il mondo che come lui sono determinate a vincere le sfide contemporanee. Jorge ci ha confessato di aver viaggiato molto di più con i suoi nuovi amici internazionali di quanto non abbia mai fatto con i suoi compagni di studio o i suoi colleghi di lavoro, “è buffo perché non immagineresti mai che qualcuno che vive a più di 100 chilometri di distanza possa condividere così tanto con te e in così tanti modi diversi”. Condividi anche tu i suoi sogni? allora partecipa alla 10^ edizione del Festival, iscriviti qui

 

Alina Barsamyan – Under Secretary General RomeMUN

Alina Barsamyan è una ragazza di origine armene che ha fatto del mondo casa sua fin dall’età di 7 anni e quest’anno sarà Under Secretary General del RomeMUN. Studentessa di Relazioni Internazionali al King’s College di Londra, come Jorge anche Alina ha partecipato a molte edizioni del Festival e non vede l’ora di assistere alla decima edizione che già prospetta come “la più grande e la migliore di sempre”. Alina ci ha raccontato che quest’anno il Segretariato del MUN ha lavorato duramente per inserire nuovi Comitati e argomenti di dibattito, “spero che i delegati portino con sé i migliori ricordi possibili di questo decimo anniversario e che ritornino in futuro proprio come abbiamo fatto noi”, ha aggiunto. Il punto di forza del Segretariato del RomeMUN è la multiculturalità che contribuisce a rendere il Festival davvero internazionale. “Viviamo in un’era di rapida globalizzazione ed è importante capire come siamo estremamente interconnessi. Per questo un MUN di successo deve celebrare la diversità in ogni sua forma e avvalersi delle differenze per educare a nuove culture, tradizioni e stili di vita.” Se vuoi unirti a questo team multiculturale, iscriviti qui

 

Shanthi Kodituwakku – Program Director del Press Game

Multiculturalità è anche la parola che meglio descrive Shanthi, la Program Director del Press Game. Di origini Italo-srilankesi, Shanti si sente da sempre appartenente al mondo intero. Prima di arrivare a Messina, dove lavora per un online periodical, Shanthi ha viaggiato in Inghilterra, Italia, India, Sri Lanka e Messico, vivendo a contatto con culture diverse. Da questa esperienza Shanthi ha capito che voleva dar voce a quello che aveva visto. Per questo ha deciso di studiare giornalismo e di unirsi al team di GnM scegliendo il percorso offerto dal Press Game. “Seguendo un corso di studi basato sul giornalismo e la comunicazione, il Press Game è stato immediatamente il progetto che ho sentito più adatto a me” ci ha raccontato Shanthi. Il valore fondamentale del Festival, secondo Shanthi, sta nel colmare la lacuna esistente in Italia tra università e mondo del lavoro: “Le università dovrebbero agire da ponte avvicinando i giovani al mondo del lavoro, ma se questo è vero per pochi atenei, resta un’utopia per altri”. In un mondo globalizzato, sarebbe impossibile immaginare la vita senza l’informazione… o il Festival senza il Press Game! Anche tu la pensi così? iscriviti subito

 

Ebenezer Essilfie-Nyame – Comitato Scientifico

Ebenezer è un giovane professionista che collabora con l’Ufficio Regionale per l’Africa della FAO ed è membro del comitato scientifico del Festival. Secondo la sua esperienza, per capire la propria strada all’interno del vasto mondo delle carriere internazionali bisogna seguire le proprie passioni, specializzarsi in un campo e dedicarsi con impegno ad affidare le proprie competenze. Il Festival delle Carriere Internazionali è la piattaforma migliore per esplorare diversi percorsi di carriera in un ambiente multiculturale. “Attraverso il sostegno di professionisti e diplomatici, i partecipanti non solo possono entrare a contatto con più di 100 nazionalità diverse, ma hanno anche l’opportunità di imparare da esperti di alto livello nel campo delle relazioni internazionali, dell’economia e della comunicazione”. Ebenezer ci ha anche raccontato di quanto sia importante il Festival per i giovani provenienti da paesi Africani, un evento di successo riconosciuto a livello internazionale che offre ai giovani talenti del suo continente l’opportunità di farsi conoscere e di coltivare i valori fondamentali del Festival per quelli che saranno i leader di domani.

 

Vorresti essere tra i protagonisti delle prossime edizioni del Festival delle Carriere Internazionali?

Non perdere altro tempo prezioso e dai il via alla tua carriera internazionale con un’esperienza imperdibile partecipando all' International Career Festival! Per iscriverti clicca qui

 

A cura di Sheila Fidelio

ONU e Unione Europea hanno lanciato ’Spotligh Initiative’ con un ha un budget di 500 milioni di euro per contrastare la piaga sociale della violenza sulle donne, che  coinvolge in media una donna su tre.

L’Unione europea ha avviato in collaborazione con le Nazioni Unite ‘Spotlight Initiative’, un progetto per eliminare tutte le forme di violenza contro le donne. Lo ha annunciato l’alta rappresentante Ue per la Politica estera e di sicurezza, Federica Mogherini. “Dobbiamo innanzitutto garantire che le donne e le ragazze vivano in sicurezza, in modo che possano sviluppare pienamente le loro potenzialità,” ha detto la vicepresidente.

Il contributo economico delle Nazioni Unite, al momento, non è però rilevante. Il progetto, finanziato con un Fondo fiduciario multilaterale, parte con un budget di 500 milioni di euro, praticamente tutti versati dall’Unione europea. Troppo poco secondo il commissario per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo Neven Mimica. “Per apportare un reale cambiamento, invito tutti i partner ad aderire alla nostra iniziativa”, ha detto il croato. “La violenza contro donne e ragazze è una delle ingiustizie più grandi del nostro tempo, e attraversa ogni frontiera, generazione, nazionalità e comunità”.

La violenza contro le donne e le ragazze è una delle più diffuse e devastanti violazioni dei diritti umani ed è presente in tutto il mondo. Essa riguarda ogni società e oltrepassa ogni genere di confine generazionale, socioeconomico, educativo o geografico. Oggi, complessivamente, oltre un miliardo di vite umane subiscono violenze. Si stima che il 35% delle donne è stato vittima di violenza nel corso della propria vita - una percentuale che in alcuni paesi raggiunge addirittura il 70%.
Inoltre, più di 700 milioni di donne in tutto il mondo vengono unite in matrimonio ancora bambine, prima dei diciotto anni. Di queste, più di 1 su 3 prima dei quindici anni: si tratta di circa 250 milioni di ragazze. Almeno 200 milioni di donne e ragazze in 30 paesi hanno subito mutilazioni genitali.
Questa piaga è un ostacolo alla parità di genere, all'emancipazione di donne e ragazze e, in generale, allo sviluppo sostenibile, oltre a essere un ostacolo alla realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Secondo il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, l’iniziativa Spotlight “ha una portata storica e rappresenta un investimento pionieristico nella parità di genere e nell’emancipazione femminile”. È espressione della stessa volontà politica dimostrata dalla comunità internazionale nell'adottare gli obiettivi di sviluppo sostenibile, non solo l'obiettivo 5 incentrato specificamente sulla parità di genere ma anche obiettivi quali il porre fine alla violenza contro le donne e le ragazze nonché l'integrazione della parità di genere nel quadro complessivo degli obiettivi di sviluppo sostenibile.
Il nuovo consenso europeo in materia di sviluppo e il nuovo approccio globale dell'UE allo sviluppo sostenibile negli anni a venire evidenziano anche l'impegno dell'UE e di tutti gli Stati membri in materia di parità di genere.

'Spotlight' dovrebbe fornire alle donne sostegno su vasta scala, organizzare attività di sensibilizzazione, implementare il quadro normativo e migliorare la raccolta dati in Africa, America Latina, Asia, nel Pacifico e nei Caraibi. Il tutto per eliminare, appunto, la violenza contro le donne: una piaga sociale che coinvolge, in media, una donna su tre. La percentuale delle vittime sale però al 70% in alcuni Stati dell’Africa e dell’Asia. Qui, a soffrire, sono soprattutto le giovani, date in sposa quando sono ancora bambine (700 milioni i casi), o infibulate (200 milioni).

 

Giuditta Pecorari

 

Per saperne di più

Spotlight Initiative - UE

Commissione Europea

ONU

Si è conclusa il 25 Settembre la 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite tenutasi a New York, che è stata sede di dibattito di 196 Capi di Stato, di governo e delegazioni. I temi al centro del dibattito hanno rispecchiato le problematiche e le sfide più pressanti del presente a livello mondiale quali la lotta al terrorismo, la minaccia del nucleare, la crisi dei rifugiati e la questione ambientale.

In rappresentanza dell’Unione Europea, il 20 settembre è intervenuto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Il suo intervento, perfettamente in linea con i temi chiave della sessione, si è concentrato su elementi quali:

- il contributo dell'UE nel far fronte alla crisi dei rifugiati e le ulteriori azioni necessarie per porre un freno alla tratta di esseri umani

- la necessità di perseguire una denuclearizzazione pacifica della penisola coreana

- la necessità di potenziare la lotta al terrorismo, intensificando convergendo le forze per contrastare la radicalizzazione

- la necessità di mettere al centro la questione ambientale attraverso l'impegno dell'UE ad attuare pienamente e con rapidità l'accordo di Parigi.

È stata data inoltre ampia rilevanza alla figura della donna attraverso il lancio dell'iniziativa congiunta "EU-UN Spotlight" volta ad eliminare tutte le forme di violenza contro donne e ragazze. In particolare l’iniziativa si concentrerà su aree quali il traffico di donne e ragazze, lo sfruttamento sessuale ed economico, la violenza di genere e i femminicidi.

 Tuttavia, il vero e principale tema del dibattito, è stato l’invito a concentrarsi sugli individui nella lotta per la pace e una vita dignitosa su un pianeta sostenibile, ponendo le persone al centro delle attività delle Nazioni Unite e rilevando il ruolo che le riforme proposte hanno ai fini di una riorganizzazione dell’ONU. Tale raccomandazione risulta chiaramente visibile nelle parole del Presidente dell’Assemblea Miroslav Lajčák:

 “Durante la scorsa settimana abbiamo affrontato molte questioni. Avete discusso dell’impatto che hanno sui Paesi del mondo e sui loro popoli. Abbiamo ascoltato resoconti di persone che fuggono dal fuoco dei conflitti, della potenza di bombe che esplodono distruggendo. Storie di individui che sopravvivono un’intera settimana con quello che alcuni di noi pagano per un caffè. Persone costrette a dover decidere se mettere a repentaglio le loro vite per restare o per fuggire. Persone che si chiedono dove colpirà il prossimo uragano, o se il loro villaggio sarà sommerso tra qualche anno. Persone che stanno cominciando a perdere – o hanno già perso – la speranza nei processi di pace internazionali. Persone che aspettano ancora che giustizia e diritti umani divengano parte della loro realtà quotidiana”.

A conclusione della sessione dell’Assemblea, è stata ribadita l’importanza di rafforzare le Nazioni Unite quale asse portante dell'ordine globale fondato su regole, sul dialogo e sul multilateralismo, attraverso l’impegno a favore dell’ONU e dei suoi membri.  Aggiunge infine con forza il Presidente Lajčák “Avete anche sostenuto che qualsiasi alternativa rischierebbe di replicare errori già commessi nella storia”.

 

 

Barbara Parisse

 

Per saperne di più

72° Assemblea

Assemblea Generale ONU

UN Volunteers offre un sacco di opportunità in vari e diversi settori

Cerchi altre opportunità? Vai su Organizzazioni Internazionali

Ente: Le Nazioni Unite (o ONU) sono un’organizzazione intergovernativa fondata nel 1945 da 51 Stati Membri e estesasi fino a comprendente, nei giorni nostri, ben 192 Paesi. Il lavoro dell’ONU rotea su quattro funzioni principali: mantenere la pace e la sicurezza internazionali; sviluppare relazioni amichevoli fra le nazioni; cooperare nella risoluzione dei problemi internazionali e nella promozione dei diritti umani; rappresentare un centro per le diverse iniziative nazionali. L'ONU è oggi strutturato in diverse aree e agenzie ognuna destinata ad occuparsi in maniera specifica di un ambito territotoriale o di policy

United Nations Volunteers (UNV) è un programma dell’UN nato con lo scopo di diffondere la pace e lo sviluppo nel mondo attraverso il volontariato. Onlive Volunteering aiuta i volontari a trovare e individuare tutti i problemi relativi allo sfruttamento umano, alla fame e alle guerre

Dove: Varie sedi ed in remoto

Destinatari: Tutti coloro che soddisferanno i requisiti

Quando: Ogni offerta ha un diverso periodo di tempo

Scadenza: open

Descrizione dell’offerta:

I settori sono:

- Traduzione

- Scrittura e revisione Writing

- Arte e design

- Sviluppo della tecnologia

- Sviluppo dei progetti e management

- Ricerca

- Insegnamento e formazione

- Leadership e strategia

- Assistenza sociale e sostegno

- Coordinazione della comunità

- Organizzazione di eventi

- Gestione dei volontari

Ogni settore ha diversi compiti

Fondamentale è avere:

- Accesso ad Internet e agli strumenti necessari per svolgere il proprio lavoro. Il Candidato dovrà avere un accesso regolare ai dispositivi di comunicazione, come smartphone, tablet, laptop o computer

- Tempo. Decidere quanto tempo si ha a disposizione per le proprie attività di volontariato

- Disponibilità. Sarà necessario rendersi disponibile ad ogni teleconferenza, incontri o check-in richiesti dall’ente per cui si svolge l’attività di volontariato Executive Search in Lithuania: KOMANDOS FORMAVIMAS IR MOKYMAS (TEAM BUILDING)

Requisiti: Ogni settore richiede differenti requisiti

Retribuzione: Non specificato

Guida all’application:

- Registrarsi come volontario con il UNV Online Volunteering service

-Una volta registrato, puoi cercare le opportunità che ti interessano di più

- L’ente offerente svolgerà un processo di selezione tra i vari candidati

- Una volta completato il tuo incarico, invia ad UNV un feedback raccontando loro la tua storia

- Una volta inviato il feedback riceverai un certificato da parte dell’ente per cui hai svolto il lavoro

Link Utili: Clicca qui per tutte le informazioni e le OFFERTE

Contatti Utili:

Online Volunteering service

United
Nations Volunteers

Postfach
260 111

D-53153
Bonn

Germany

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

A cura di Silvia Cortese

La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente

LA REDAZIONE

United Nation Enviroment  Programme è alla ricerca di 20 Volontari dal diverso profilo professionale da inserire in un progetto a Nairobi
 
Per altre opportunità simili consultare la sezione Nazioni Unite e Organizzazioni Internazionali dalla pagina del nostro sito carriereinternazionali
 
Ente: UNEP affronta come tema principale quello dei cambiamenti climatici. Si impegna a contrastare questi processi che possono compromettere l’ecosistema, individuando le migliori strategie ecocompatibili. Opera a tutela dell’ambiente e per l’uso sostenibile delle risorse naturali. I suoi principali obiettivi consistono nel prevenire disastria mbientali con politiche e tecnologie adeguate, nel raggiungere accordi contro il riscaldamento globale attraverso conferenze annuali, nell’individuare soluzioni comuni attraverso un’intensa attività di cooperazione con le altre organizzazioni internazionali, gli Stati nazionali, le Ong e con esponenti del settore privato e della società civile. Il lavoro dell’UNEP si svolge per livelli: valutando le condizioni ambientali; stipulando accordi con le maggiori potenze; mettendo in relazione sviluppo economico e ambiente; dedicandosi all’informazione e promuove il coinvolgimento dell’opinione pubblica sulle tematiche della gestione ambientale.
 
Dove: Nairobi
 
Destinatari: Laureati di almeno 25 e con almeno tre anni di esperienza professionale
 
Durata: 12 mesi
 
Scadenza: Scadenze cicliche
 
Descrizione dell’offerta: UNEP è alla ricerca di 20 volontari dinamici, creativi e motivati da coinvolgere nel suo programma di volontariato a Nairobi. In particolare si reclutano scrittori/ricercatori che si occupino di raccogliere,  studiare e scrivere storie, risultati e contenuti editoriali circa le attività di UNEP; grafici web in grado di sviluppare alternative vincenti per la scienza e la ricerca rivolte al pubblico; gestori nel servizio ai clienti; esperti in comunicazione ed organizzatori/gestori eventi in grado di organizzare eventi pubblici e non dall’alto profilo volti a veicolare le attività svolte da UNEP, nonché di gestire il premio Champion of the Earth promosso da UNEP ogni anno. Si richiedono, pertanto, profili dinamici, avventurosi, appassionati di comunicazione, in grado di stare a contatto con il pubblico e in grado di lavorare anche sotto pressione quando necessario.
 
Requisiti: Laurea, almeno tre anni di esperienza, almeno 25 anni compiuti, notevoli abilità interpersonali e organizzative, inclinazione a lavorare in un ambiente multiculturale, abilità ad affrontare e ad adattarsi a condizioni di vita anche difficili, conoscenza di almeno una delle tre lingue ufficiali parlate nelle Nazioni Unite (Inglese – Francese – Spagnolo)
 
Documenti richiesti:  CV oppure copia della propria application form da effettuare online dopo aver creato un proprio profilo registrandosi al sito UNV website
 
Retribuzione: Non specificato
 
Guida all’application: Invia di Documenti richiesti a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Informazioni utili:  L’UNEP offre diverse opportunità per collaborare in seno ai suoi programmi. Esse sono rivolte a personale motivato, energico e qualificato e si distinguono in:
 
-Stage/programmi di internship,i quali offrono la possibilità di lavorare in un’organizzazione internazionale sia in attività strategiche che amministrative e per i cui requisiti si richiede una laurea magistrale e la cui durata oscilla tra i 3 e i 6 mesi con disponibilità a lavorare full-time.
-Attività di volontariato: in questo caso l’offerta è rivolta a personalità estremamente motivate e che abbiano una pregressa esperienza in merito all’area che si va a ricoprire. Requisiti: diploma di Laurea Magistrale, minimo 25 anni di età, almeno tre anni di esperienza professionale, buona conoscenza di una delle tre lingue adottate in seno alle Nazioni Unite: inglese/francese/spagnolo, capacità di lavorare in ambienti multiculturali, forti valori dei principi di volontariato. Durata:6 mesi, massimo un anno.
Sul sito UNEP vengono inoltre pubblicati periodicamente offerte di lavoro che riguardano:
 
- consulenze            
- posizioni professionali
- servizi generali    
- Junior Professional Officers
 
Link utili:
 
 
Contatti utili:
 
UN Volunteers
UN Campus
Platz der Vereinten Nationen 1
53113 Bonn, Germany
 
 
A cura di Emilia Sgariglia
 
La redazione carriere internazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
LA REDAZIONE
 
 
Il programma Nazioni Unite Volontari (UNV) cerca volontari per aiutare l’Ecuador in crisi dopo il terremoto dello scorso aprile.
 
Per opportunità simili visita la sezione Cooperazione, Volontariato e Sviluppo
 
Ente: Il programma Nazioni Unite Volontari (UNV) è un organizzazione delle Nazioni Unite la quale contribuisce alla pace e allo sviluppo attraverso il volontariato globale. La sede è situata a Bonn, Germania, UNV è attivo in circa 130 paesi ogni anno.
 
Dove: Ecuador
 
Destinatari: Interessati al volontariato globale
 
Durata: non specificato
 
Scadenza: non specificato
 
Descrizione dell’offerta: L’UNV cerca volontari per rispondere alla crisi ecuadoriana causata dal terremoto del 16 aprile 2016, in particolare ricerca figure specializzate in aree di ingegneria civile, servizi medici (in particolare servizi psicologici), architettura, riduzione dei disastri, monitorazione e valutazione, comunicazione ed altri settori inerenti. Inoltre lo UN Giovani Volontari, ricerca giovani tra i 18 e i 29 anni.
 
Requisiti:
-ottima conoscenza dello spagnolo
-preferibilmente figure specializzate in ambito di disastri naturali
 
Documenti richiesti: non richiesti
 
Retribuzioni: non prevista
 
Guida all’application: registrazione al sito dell’UNV e successivamente selezionare la voce  "ECUADOR_2016" nella sezione “Special Recruiment” per registrarsi
                                                                                                          
Informazioni utili: Una scossa di terremoto  di magnitudo 7.8 ha colpito il 16 aprile scorso la zona costiera centrale dell'Ecuador. L’epicentro è a 27 chilometri a sud-est di Muisne, a una profondità di 19 chilometri. Il sisma è stato avvertito anche a Quito. Proclamato lo stato di emergenza nelle province di Esmeraldas, Manabí, Santa Elena, Guayas, Santo Domingo e Los Ríos.
 
Link utili:
 
 
 
 
A cura di Luigi Pappalardo
 
La redazione carriereinternazionali.com declina ogni responsabilità sull’attendibilità delle informazioni contenute nella scheda. Per informazioni in merito all’opportunità, contattare l’ente proponente.
LA REDAZIONE

Rubrica

Follow Us on

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, solo per alcune funzionalità tecniche dei servizi offerti.
Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Cliccando su "ok" acconsenti all’uso dei cookie.